A CHI CHIEDERE AIUTO PER LE DISFUNZIONI SESSUALI?

Le disfunzioni sessuali possono essere determinate da cause di natura a prevalenza psicologica, organica o di contesto (per contesto si intende legate a specifiche situazioni, luoghi, momenti di vita o partner).

Per identificare le cause delle disfunzioni sessuali maschili e femminili, è quindi necessario primariamente attuare una attenta ed approfondita diagnosi differenziale. Ciò permette di individuare anche lo specialista più indicato alle proprie necessità. Potrebbe essere un urologo, un andrologo, un ginecologo o il sessuologo.

Se gli esami di laboratorio escludono un’origine organica è necessario chiedere aiuto ad un SESSUOLOGO! Il sessuologo, per il raggiungimento dei loro obiettivi terapeutici , si avvale di prescrizioni (compiti dati per casa) corporei e relazionali.

La TERAPIA SESSUALE si caratterizza come un intervento di TERAPIA BREVE focalizzato sul sintomo. Le sedute sono rivolte preferibilmente alla coppia. La terapia sessuale prevede una DURATA MASSIMA MEDIA DI 15 SEDUTE. Ovviamente ciò significa che alcune situazioni possono vedere una risoluzione più rapida, mentre altre disfunzioni sessuali più complesse in cui magari ciascun partner è portatore di un proprio sintomo, (il più evidente funge da schermo per quello meno evidente) può prevedere tempi più lunghi.

La Terapia Mansionale Integrata (TMI) è quindi il trattamento specifico e d’elezione per curare i disturbi della sfera sessuale non dipendenti da cause mediche. L’obiettivo della terapia sessuale è la rimozione di questi ostacoli immediati che impediscono di vivere serenamente la propria sessualità.

Se hai problemi sessuali non rimandare: la terapia sessuale può risolverli in poco tempo! Più rimandi, più sarà complesso spezzare i circoli viziosi che sostengono la disfunzione sessuale. Chiama per prendere un appuntamento!

Vedi:

Nessun Commento

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Dr.ssa Cinzia Frontoni

SEGUIMI SU

linkedin 341x341

istagram 341x 388

Dr.ssa Cinzia Frontoni